Gothenburg Toving and Salvage Company

Nella foto l’Artiglio ormeggiata sopra il relitto dell’Egypt con fuori bordo la Torretta di osservazione che sta per essere calata

I primi tentativi della inglese «Gothenburg Toving and Salvage Company» datano 1923. Due settimane di lavoro. Il 6 giugno il capitano danese Hedbak informò di aver incontrato nel drenaggio un’ostruzione. Sospettò, nulla di più, trattarsi del relitto dell’Egypt, all’incirca 48° Nord e 5° e 30′ Ovest. I francesi nel 1926 si posero sulle stesse tracce con l’«Union d’Entreprises Sous Marine». Per la prima volta vennero impiegati palombari tedeschi, dotati di scafandri di nuova concezione dalla «Neufeld & Kunke». Ma in superficie venne portato soltanto un cavo telegrafico transoceanico. Tedeschi e danesi fecero brevi, infruttuose ricerche.
Nella corsa internazionale al tesoro s’inserì con piglio e straordinaria inventiva la Sorima, costituita a Genova nel 1926, amministratore delegato il commendator Giovanni Quaglia di Diano Castello. Egli, così, s’inseriva a pieno titolo nella schiera dei pionieri che, con l’olio d’oliva e la marineria, già da decenni avevano esaltato le capacità imprenditoriali liguri: imperiesi in particolare. Non a caso la Sorima annoverò fra i suoi vertici imprenditori del Ponente quali i Canepa di Diano Marina, gli Schenardi d’Imperia, con radici e uomini di Rezzo (i Bascheri), quadri marittimi e tecnici, nonché il meglio dei palombari di Viareggio.
Con Quaglia il lavoro italiano s’impose all’ammirazione del mondo. Le inglesi Lloyd’s di Londra e la «Savage Association» per le ricerche si rivolsero alla Sorima. Il 30 agosto 1928 fu stipulato il contratto: la società italiana s’impegnava ad eseguire il recupero soltanto con i suoi mezzi, sotto la sua esclusiva direzione e responsabilità, a suo totale rischio e spese.

EudiMovie
EudiMovie Diving
EudiPhoto
Eudi Smart & Action Movie
Neo Brevettati 2019
Prenotazione Gabbia Squali 6d

In contemporanea con

outdoor expo

Apnea Village

Apnea Village 2018

Filmato edizione 2018

Pin It on Pinterest

Condividi