I Corpi Sommozzatori dei VVFF
alla Torre Piloti del Molo Giano

Erano le 22.30 del 7 maggio del 2013, quando una nave porta-container, la Jolly Nero, della linea Messina era in uscita dal porto di Genova. La nave, secondo la procedura in uso, era assistita da uno dei piloti del porto e trainata da due rimorchiatori (uno davanti e uno dietro). Per cause non ancora completamente riscostruite, la nave impattava contro la Palazzina Piloti della Capitaneria del Porti di Genova. Una struttura alta oltre 50 metri di cemento venuta giù di schianto seppellendo tutti coloro che erano all’interno. Da subito, per tutta la notte i sommozzatori dei VVFF hanno scandagliato. Hanno poi proseguito nei giorni a seguire, dopo aver aperto un varco tra le macerie sommerse della torre di controllo, cercando di raggiungere la zona dove altri corpi erano rimasti incastrati. Il bilancio finale sarà tragico: 9 morti. Ancora una volta il corpo sommozzatori dei VVFF è stato impegnato in condizioni difficili e inusuali.

Facebook Social Media

Twitter Social Media

Iscriviti/Subscribe Newsletter

Pin It on Pinterest

Condividi