I Nuclei Specializzati dei VVFF

Oltre all’attività di intervento e soccorso e tutte le collaborazioni in essere, i nuclei subacquei dei Vigili del Fuoco hanno anche un’operatività che va oltre. SI tratta del Modello Operativo territoriale- Task forse. In particolare per la Speleosubacquea di livello avanzato che opera su quattro distretti:

  • Distretto A
    Direzioni Regionali Veneto TAA e Friuli VG
    Nuclei S.S. e A. di Vicenza, Venezia, Trieste
  • Distretto B
    Direzioni Regionali Lazio e Campania
    Nuclei S.S. e A. di Roma e Napoli
  • Distretto C
    Direzione Regionale Puglia
    Nuclei S.S. e A. di Bari e Taranto
  • Distretto D
    Direzione Regionale Sardegna
    Nuclei S.S. e A. di Cagliari e Sassari

Operatività che viene garantita da ben 14 unità specializzate sul territorio.
Inoltre queste unità operano anche RICERCA STRUMENTALE SUBACQUEA “INTEGRATA”.
In particolare i nuclei di Firenze e Roma che operano su bassi fondali (con una profondità massima di -100 metri) e i nuclei di di Milano, Roma, Reggio Calabria e Cagliari che operano in alto fondale con un range operativo di -400-600 metri.
L’assetto prevede l’impiego di strumentazioni sonar e robotizzate per raggiungere profondità superiori a quelle massime operative umane o in scenari con un troppo elevato fattore di rischio in immersione per i sommozzatori.
La distribuzione geografica dei Nuclei garantisce la copertura su tutto il territorio nazionale.

Facebook Social Media

Twitter Social Media

Iscriviti/Subscribe Newsletter

Pin It on Pinterest

Condividi