La flotta della società armatrice SO.RI.MA

Il capo palombaro Alberto Gianni accanto la torretta di osservazione è in tenuta di immersione con la cuffia telefonica e in mano la maschera per la respirazione a ossigeno

La flotta della società armatrice SO.RI.MA (Società Ricuperi Marittimi), della quale faceva parte la nave Artiglio, era equipaggiata con attrezzature innovative e all’avanguardia per l’epoca, grazie al dinamismo del suo armatore che comprò il primo moderno e funzionante scafandro a pressione atmosferica, ed assecondava l’inventiva di Alberto Gianni, che, con le sue capacità tecniche e grazie all’esperienza propria e dei colleghi, realizzò delle modifiche alle attrezzature tedesche di cui avevano l’esclusiva, rendendole più sicure, inventò varie benne e attrezzature per i recuperi dei carichi e, come è noto inventò la camera di decompressione e la torretta butoscopica, quest’ultima determinante per i recuperi ad alta profondità, allora ancora troppo rischiosi per i palombari dotati delle classiche attrezzature troppo pesanti ed ingombranti.

EudiMovie
EudiMovie Diving
EudiPhoto
Eudi Smart & Action Movie
Neo Brevettati 2019

In contemporanea con

outdoor expo

Pin It on Pinterest

Condividi