Lingotti, lingotti! Oro, ragazzi!

Nella foto L’artiglio inclinato nello sforzo di strappare pezzi di un relitto non completamente divelti dalle cariche di demolizione

Il 22 giugno alle 11.30, dopo 4 anni di lavoro, di attesa, il palombaro Lenci impartì l’ennesimo ordine di sollevazione della benna. Questa volta, oltre a rottami e fango, sulla tolda caddero due Sterline d’oro. La successiva bennata depose due lucenti mattoni gialli: “Lingotti, lingotti! Oro, ragazzi!”. L’emozione proruppe irrefrenabile. Da 130 metri di profondità – in un mare proibitivo – intelligenza, coraggio, pericoli, sciagure, il lavoro italiano aveva avuto la meglio sullo scetticismo di non pochi, prima di tutti i francesi e, di converso, con grande soddisfazione inglese. Il lavoro proseguì per anni. La grande totalità del tesoro rivide così la luce. Il Commendator Quaglia volle tutti gli uomini attorno a sé. Ne aveva diviso le ansie, le fatiche, il dolore, le speranze, la gioia della vittoria. «Ed ora – esordì – alziamo la fronte e guardiamo quella bella nostra bandiera che lontano dalla Patria, sull’Artiglio e sul Rostro, garrisce vittoriosa al vento dell’Oceano e gridiamo tutti con quanta forza abbiamo in petto Viva l’Italia! Vi invito – concluse – a chinare il capo rivolgendo il pensiero ai nostri poveri morti; essi sono ora presenti con noi, presenti sulla tolda dell’Artiglio e condividono la nostra gioia».

EudiMovie
EudiMovie Diving
EudiPhoto
Eudi Smart & Action Movie
Neo Brevettati 2019
Prenotazione Gabbia Squali 6d

In contemporanea con

outdoor expo

Apnea Village

Apnea Village 2018

Filmato edizione 2018

Pin It on Pinterest

Condividi